06
Il caso Sinigaglia

L’ebreo Duillio Sinigaglia è stato uno dei protagonisti del primo fascismo modenese. Ucciso con altri sette squadristi nell’eccidio del 26 settembre 1921, diviene il ‘martire’ più celebrato dal fascismo modenese. Grazie a questo la famiglia Sinigaglia evita la persecuzione e poi la deportazione, ad eccezione di un fratello, trasferitosi a Firenze, che è deportato e ucciso ad Auschwitz con la moglie e la figlia.